VERSO FUTURI POSSIBILI

 

Il futuro è già qui e ha molte forme.

Saperle vedere e prepararsi a scegliere quella migliore da portare avanti è questione di metodo.

Le Comunità di Pratica di Futuro (CPF) sono un’occasione preziosa per coloro che vogliono praticare il futuro e sperimentare un approccio anticipante. Hanno l’obiettivo di essere un punto di scambio e diffusione di Futures’ Literacy, un luogo di confronto in cui applicare lo stile futurista per esplorare e generare visioni più consapevoli di futuri desiderabili, uno strumento di apprendimento continuo.

La CPF si ispira al modello Wenger in base al quale gruppi di persone si riuniscono con il fine di produrre conoscenza organizzata e di qualità intorno a un tema specifico. In queste comunità, gli individui mirano a un apprendimento continuo attraverso la crescita della consapevolezza delle proprie conoscenze e di quelle degli altri.

Nelle CPF l’apprendimento viene facilitato attraverso l’ utilizzo dei principi e dei metodi futuristi.

Gruppo scientifico di riferimento

Roberto Poli

Cattedra UNESCO in “Sistemi Anticipanti”, Università di Trento

Roberto Paura

Presidente IIF Italian Institute for the Future

Isabella Pierantoni

Founder Generation Mover™

Mara Di Berardo
Mara Di Berardo

Co-Chair Nodo italiano Millennium Project

Avviamento e coordinamento: a cura di Isabella Pierantoni

I Principi metodologici

  1. Dalla nozione di futuro a quella di futuri possibili.
  2. Condividere per apprendere.
  3. Costruire una community per diffondere una literacy sul futuro.
  4. Un’esperienza inclusiva, ma selettiva.
  5. Un’esperienza accompagnata.
  6. Praticare il futuro, non raccontarlo.
  7. Complessità, non complicazione.
  8. Ibridare conoscenze per sconfinare.

La struttura

4 + 1 giornate all’anno. Gruppi da max 20 partecipanti, che si aggregano su base tematica e/o geografica, composti secondo il il criterio della massima eterogeneità possibile: per età, genere, nazionalità, cultura, formazione, esperienza professionale … al fine di garantire un contributo genuino e creativo da parte di tutti, oltre che di creare un ambiente ‘sicuro’.

I criteri di ammissione: motivazione, profilo professionale, interesse per i Futures Studies e disponibilità a condividere competenza e saperi per lo sviluppo della Comunità di Pratica. 

Come funziona

  • Futuristi certificati come trainers
  • Presenza di esperti per allargare gli orizzonti e approfondire i temi
  • Metodologia futurista nella gestione del gruppo

 

VUOI SAPERNE DI PIU’? VUOI PARTECIPARE ANCHE TU?

Utilizza l’email sotto indicata per manifestare il tuo interesse ed essere aggiornato sugli eventi.

contatti@generationmover.com

 

 SOLO UN FUTURO NON BASTA

____________________________________________________________________________________________________

  • Lo sapevi che i nostri articoli sono suddivisi per generazione?
  • Sta per uscire la ns newsletter, se non sei iscritta/o   richiedila qui. Ci trovi articoli, riflessioni, anticipazioni delle nostre ricerche e attività.