Chi sono?


Oggi hanno tra i 26 e i 40 anni, in Italia sono 10.4 milioni, di cui 6.8 milioni nel mondo del lavoro. 

(Fonte: Istat e Eurostat 2018, elaborazione dati Generation Mover)


Sono anche detti: Y Gen, Digital, Cloud Generation, Net Generation. Rappresentano la  generazione di cui si è scritto e comunicato di più in termini generazionali, e per questo più stereotipata grazie a facili etichette come: ‘generation me’, ‘auto-centrati’, ‘poco affidabili’ e altro. Il punto vero è che sono la prima generazione sul pianeta ad avere avuto accesso alle informazioni veloci e ad avere investito sulla propria formazione e, per questo, hanno in mente un’etica professionale basata sul merito e sull’equità, sulla crescita professionale e sull’equilibrio vita-lavoro. 

Immagine22
Immagine23
Immagine24

Oggi tra loro: Mark Zuckerberg, i principi Harry e William d’Inghilterra, Luigi di Maio …

Sono cresciuti sperimentando per primi le ‘famiglie mononucleari‘, spesso figli unici, sono diventati grandi con l’utilizzo della rete, e per questo gruppo la parola ‘cellulare’ è il passato di ‘smartphone’. Sono i primi bambini a sentir parlare di ambiente a scuola, e per loro la parola politica  riguarda lo scandalo sessuale americano Clinton-Lewinski e la corruzione. Sperimentano i giochi digitali e la possibilità di fare amicizia anche diversamente dal ‘di persona’. A scuola e all’università incontrano etnie e culture differenti. Crescono con Al Qaeda e imparano presto che tutto può finire senza una ragione assistendo in diretta all’attacco alle Torri Gemelle del 2001.

Per il marketing è la prima generazione consapevole dell’impatto delle proprie scelte di consumo sul sistema economico globale. Elabora e pratica nuove forme di economia (Sharing Economy) e il riciclo diventa un life-style. I consumi passano dal concetto di ‘massa’ al concetto di ‘esperienza utile’.

Quali sono, oggi, le priorità di vita e i valori forti per questa coorte generazionale?

Quali futuri stanno arrivando per i Millennials? 

A queste e altre domande lavoriamo e rispondiamo, applicando metodi futuristi, approccio scientifico e consulenziale.

Resta informato e iscriviti alla nostra newsletter

Lo smart working è un ponte tra le generazioni

Le nuove forme di lavoro si stanno delineando sempre più diffusamente e lo smart working prende forma. La pandemia ha giocato il suo ruolo, costringendo molte persone a fare conoscenza con le potenzialità e le caratteristiche degli strumenti digitali. Una conoscenza vera, approfondita e pratica. Nella giusta terra di mezzo tra le opposte ideologie, quella del “io non sono tecnologico” e “li voglio vedere qui altrimenti non lavorano” da una parte; e del “tutto il mio lavoro sta nel mio computer” e “lavoro quando e dove mi pare” dall’altra. Quando, a marzo 2020, si diceva che dopo il Covid nulla sarebbe stato più come prima, non si intendeva che ci saremmo trovati di colpo a vivere in un film di … Continua a leggere

Obiettivo: parità di genere per imprese italiane a prova di futuro

Mentre in Europa la strategia per la parità di genere è parte integrante delle politiche comunitarie, in Italia compare per la prima volta tra gli obiettivi programmatici del Governo per il quinquennio 2020/2025, solo la Grecia viene dopo di noi nelle politiche attuative relative all’implementazione strategica di questo obiettivo. Ma perché non abbiamo mai creato una strategia per la parità di genere? Perché non abbiamo anche solo concretizzato le strategie europee che ci avrebbero permesso di trovarci – oggi – sicuramente in un’altra parte della classifica? Queste e molte altre domande se l’è poste Linda Laura Sabbatini, Direttrice ISTAT e Presidente Women 20, durante un free speech sulla  Responsabilità Sociale in una prospettiva di genere, evento che è andato in diretta Facebook online il … Continua a leggere

Se questo è lavorare

Questa pandemia ha fatto emergere in modo ormai massivo e negativo, senza più scuse, l’arretratezza del nostro paese sul tema lavoro e carriera al femminile. Per questo ne parliamo. La notizia è di poco tempo fa: su 101 mila posti di lavoro persi a dicembre 2020, 99 mila riguardano le donne. Si, 99 mila, non è un errore, molte di queste hanno tra i 25 e 50 anni. Donne millennials e X Gen. E se allarghiamo un pochino l’orizzonte, il 2020 ha segnato -312 mila posti di lavoro per le donne, non succede solo da noi ma un po’ in tutto il mondo, negli Stati Uniti hanno cominciato a chiamarla shecession  Da sempre le donne sono in cima alla lista delle persone penalizzate … Continua a leggere

I giovani sanno scrivere una mail?

“Perchè i giovani studenti non sanno scrivere, in modo formalmente corretto, una mail o una lettera?”. La domanda è stata posta sui social dalla Prof.  Brittney Cooper della Rutgers University, il tema ha generato grande dibattito, tanto da diventare virale in poco tempo. In risposta al tweet della professoressa si è alzato un polverone e molte delle persone intervenute – che non appartengono solo alla Z gen (15-24enni)- hanno reagito con sdegno bipartisan sia pro che contro i ragazzi che iniziano le mail formali con espressioni che un tempo erano legate ad un linguaggio amicale, come “ciao” o altro. Non si può negare che la Z gen, partecipando alla discussione, non ha difeso molto bene la posizione, rispondendo ancora una … Continua a leggere

Donne X e Y Generation, Lavoro-Europa-Pandemia: @PWN Norway Research

Nonostante le continue ricerche, sappiamo ancora poco degli impatti reali causati dalla diffusione pandemica del Covid19 sulle diverse popolazioni: per nazione, per ceto sociale, per genere. Le indagini sono tuttora in corso e tra queste, una ricerca indipendente è quella promossa da @PWN Norway a cui hanno risposto donne di molti paesi Europei, tra cui l’Italia (il primo Paese per numero di rispondenti). LIFE UNDER LOCKDOWN 2020: IMPACT OF COVID-19 ON PROFESSIONAL WOMEN’S UNPAID WORK – Authors Dr. Patricia Gestoso, Dr. Eva Turk L’indagine, condotta nell’aprile 2020, indaga gli effetti del Covid19 sulle disparità già visibili tra uomini e donne che lavorano mostrando, dati alla mano, come la situazione, durante il lock down, abbia impattato ancora una volta in modo … Continua a leggere

Quello che manca agli studenti italiani

Per una serie di coincidenze, negli ultimi 12 mesi mi sono trovato a lavorare con diversi studenti universitari. Prima, durante e dopo il lockdown, in presenza e a distanza, in occasione di corsi d’aula ma anche in qualche incontro individuale. Tra la mia osservazione, le condivisioni e i feedback dei ragazzi stessi, ho visto emergere almeno un paio di costanti che trovo degne di considerazione. Di queste, una fa ben sperare nel futuro dell’umanità, l’altra preoccupa per il futuro – anzi: già per il presente – dell’Italia. La buona notizia sta nella qualità e molteplicità delle risorse che i ragazzi dimostrano di avere dentro di sé. Nei loro ragionamenti e nella loro visione del mondo danno per scontato un orizzonte … Continua a leggere

I Millennials e l'arte della ripartenza

Anche se il Covid-19 ha cambiato “un pò” le cose (ne parleremo), alzarsi al mattino e pensare di ripartire, ricominciare, reinventarsi lavorativamente e nella vita non sono pensieri che, nel ritmo quotidiano, appartengono ad un Boomer, men che meno ad un Founder: loro vi direbbero che una volta intrapresa una strada, va seguita quella senza indugio. Lo stesso, anche se non in modo così marcato, vale per gli X gen, soprattutto per quanto riguarda i più grandi tra loro, quelli che sentono, con l’azienda, un vero e proprio legame. Questo atteggiamento non sembra appartenere ai Millennials: le ricerche dicono che la loro permanenza all’interno della stessa azienda si assesta tra i 3 e i 5 anni e che, in fatto di … Continua a leggere

ZWebTV: la nuova TV 'generazionale'

Avete letto bene: generazionale. Il progetto di Francesco Becchetti, non nuovo ad esperimenti di questo tipo, offre un altro spazio digitale per ampliare la visibilità e attività degli influencer, la vecchia cara TV. In streaming però, sembra sia una rivoluzione. L’effetto è un pò strano ma, chissà, magari funzionerà. Del resto, i cambiamenti ormai accelerano e la rivisitazione della spazio televisivo non fa eccezione, le generazioni più giovani esprimono attitudini e comportamenti social e digitali impensabili ai tempi della TV generalista, o solo privata, che, solo due generazioni fa, sembravano una rivoluzione. L’obiettivo di ZWeb TV è catturare la fascia d’età che riguarda i Millennials più giovani (25-30) e la Z generation (11-24) che, ormai si sa, sono il target … Continua a leggere

Donne Millennials e X Gen all'epoca del Covid-19: tu che tipo di donna vuoi essere?

CHE TIPO DI DONNA SEI? Donne Millennials e X Generation all’epoca del Covid-19 L’arrivo di Covid-19 in Italia ha sollevato il coperchio di una pentola di acqua solo apparentemente calma, in realtà ferma, direi fermentata, senza grande ricambio di acqua fresca in moltissime situazioni, per fortuna non tutte. L’osservazione di questo periodo mi ha portato a notare le grandi differenze nel modo di affrontare la vita da parte di molte donne, Millennials e X Generation, con differenziazioni incredibili di status socio-economico, relazionale, famigliare, territoriale, professionale. Il motivo per cui ho dedicato parte del mio tempo a questo studio deriva sia da un mio interesse personale, esistente da sempre, sia dalla realtà che nel corso delle settimane si è palesata molto … Continua a leggere

Leadership e pensiero critico nelle generazioni più giovani

Hai tra i 18 e 35 anni? Parli inglese? Partecipa al Drucker Challenge Essay contest 2020. Uno degli obiettivi che ci siamo dati in Generation Mover è quello di diffondere iniziative e call di interlocutori che ci ispirano e che riteniamo seri e appassionati e questa è una di quelle. Dal 2010 centinaia di studenti e giovani professionisti provenienti da tutto il mondo sono stati invitati al Peter Drucker Forum come vincitori o finalisti del Concorso sul saggio della Drucker Challenge. Hai tempo fino al 24 maggio 2020 per presentare la tua idea su come promuovere le competenze di pensiero critico in tempi critici. Di solito le persone riconoscono un leader in qualcuno di cui si fidano e che sa … Continua a leggere