Chi sono?


Oggi hanno tra i 56 e i 74 anni, in Italia sono 14.8 milioni, di cui circa 5 milioni nel mondo del lavoro.

(Fonte: Istat  2018, elaborazione dati Generation Mover)


La parola chiave che li descrive meglio è “ottimismo“, con questa generazione nasce il mito del “self-made man“.


I Baby Boomer rappresentano il primo gruppo generazionale a vivere i più grandi cambiamenti storico-sociali  sul pianeta in seguito alle innovazioni, portate dall’industria bellica della II Guerra Mondiale, nel mondo civile. Hanno dato il via alle rivoluzioni sociali ed economiche del secolo scorso che hanno profondamente mutato le convenzioni e i ruoli sociali, finanziari e professionali. In un certo senso possono definirsi la generazione del cambiamento’. Hanno imparato presto a darsi da fare, a fare amicizia con la tecnologia e l’innovazione, e a far conto sulla forza del gruppo.


Immagine9
Immagine10
Immagine14

Oggi, tra loro: Barack Obama, Richard Gere, Fabiola Gianotti, Trump, Angela Merkel …

Sono i figli di chi è tornato dalla Guerra, erano bambini quando hanno visto che tutto era possibile e raggiungibile: ricostruire, studiare, mangiare, lavoro per tutti, anche per le donne, possibilità di avere una vita migliore dei loro genitori.Negli anni della loro formazione, i più giovani di loro vedono arrivare i frigoriferi in ogni casa, le donne di questa generazione sono tra le prime ad avere la possibilità di lavorare nelle fabbriche o a poter andare all’università. Sono le stesse che oggi a 60 anni e più, spesso nella P.A. non vogliono lasciare il lavoro e continuare a lavorare, che hanno sulle spalle figli adulti e genitori anziani …

Questa generazione è la più numerosa di sempre,  ha cambiato tutte le regole in famiglia, in società e al lavoro. E oggi continua a cambiarle, la nascita della Silver Economy è un’altra espressione della forza di questo gruppo.

Per il marketing questo è il gruppo generazionale attualmente più finanziariamente appetibile, forse l’ultima generazione ad avere risparmi interessanti e bisogni da soddisfare diversi anche in età adulta.

Quale impatto ha avuto e ha una generazione così numerosa?

La Silver Economy quali nuovi bisogni soddisfa? Quali possibilità di Business offre?

Quali futuri contribuisce a preparare?

A queste e altre domande lavoriamo e rispondiamo, applicando metodi futuristi, approccio scientifico e consulenziale.

Resta informato e iscriviti alla nostra newsletter

I Baby Boomer cambiano il mondo, di nuovo – Part 1

Per il mondo, e per l’Europa, questa generazione rappresenta una vera e propria valanga demografica[1], sociale ed economica. Gli effetti dell’arrivo della generazione più numerosa di sempre sono visibili ovunque: aumento della popolazione e conseguente impatto climatico-ambientale, rivoluzione dei modelli sociali e famigliari, degli stili di consumo, dei modelli politici, economici, e ancora, del lavoro e dei mercati. Appartengono a questo gruppo le persone che nel 2021 hanno tra i 57 e i 75 anni di età (Baby Boomer).  I Baby Boomer sono quelli che già negli anni ’60/’70 hanno cambiato il corso della storia conosciuto fino ad allora, hanno trasformato il mondo occidentale, e adesso, nel nuovo millennio, e con una pandemia in corso, si preparano a farlo di nuovo. … Continua a leggere

EU-Promuovere Solidarietà e Responsabilità tra generazioni: partecipa al dibattito

Mara Di Berardo La Commissione europea ha di recente presentato il Libro Verde “Promuovere solidarietà e responsabilità tra generazioni”, con cui si invitano i cittadini a partecipare ad un dibattito comune sulle sfide e le opportunità possibili in una società europea che invecchia. Il Libro Verde fornisce un quadro di riferimento per il dibattito e descrive gli effetti che questa tendenza demografica produrrà sull’economia e sulla società europee, prendendo in considerazione, tra le varie tematiche, la promozione di stili di vita sani, il lifelong learning, il rafforzamento dei sistemi sanitari e assistenziali e l’occupazione. “Viviamo più a lungo delle generazioni che ci hanno preceduto, e in migliore salute: è uno dei successi e dei punti di forza della nostra economia sociale di mercato, … Continua a leggere

I giovani sanno scrivere una mail?

“Perchè i giovani studenti non sanno scrivere, in modo formalmente corretto, una mail o una lettera?”. La domanda è stata posta sui social dalla Prof.  Brittney Cooper della Rutgers University, il tema ha generato grande dibattito, tanto da diventare virale in poco tempo. In risposta al tweet della professoressa si è alzato un polverone e molte delle persone intervenute – che non appartengono solo alla Z gen (15-24enni)- hanno reagito con sdegno bipartisan sia pro che contro i ragazzi che iniziano le mail formali con espressioni che un tempo erano legate ad un linguaggio amicale, come “ciao” o altro. Non si può negare che la Z gen, partecipando alla discussione, non ha difeso molto bene la posizione, rispondendo ancora una … Continua a leggere

Le età dell'inclusione

Azioni sociali innovative per pratiche “age-inclusive & friendly” A cura di Mara Di Berardo, Millennium Project Italian Node co-chair “Viviamo molto più a lungo che mai, in media dieci anni di più della generazione dei nostri genitori e circa due decadi più a lungo dei nostri nonni. È un risultato sorprendente: la nostra società che invecchia è impostata per trasformare ogni aspetto delle nostre vite, dal welfare e l’occupazione alla famiglia e alla vita di comunità”, dicono le autrici. Non riflettere su questo in maniera radicale rischia di non farci capire che le vite più lunghe sono un dono. Come possiamo, allora, supportare le persone per farle prosperare in tutte le fasi della loro vita? “The Age of Inclusion”, una recente … Continua a leggere

Quando il gioco si fa lavoro: monetizzare a 12 anni

Come cambia e cambierà l’idea di lavoro nel prossimo futuro per le generazioni più giovani? Quale sarà la nuova etica professionale? Qualche segnale sta arrivando in modo chiaro e concreto. Certo non basta per farne un trend ma intanto impariamo a coglierlo. Se chiedessimo ad un Baby Boomer cosa significa per lui “lavorare” vi darà una definizione che, spesso, è molto diversa da quella di un X Gen o anche di un Millennial. Ma se lo domandassimo ad uno della Z gen? In particolare a qualcuno tra i più giovani Z gen, quelli, per capirci, che oggi hanno tra i 12 e i 15 anni e che, normalmente e legalmente,  non sono, in età lavorativa ma che già sono in … Continua a leggere

Lella Costa: il coronavirus e i sessantenni

Di solito le circostanze eccezionali fanno emergere gli elementi cruciali di un contesto o di una situazione. Così è stato per il Covid: una pandemia che ha messo sotto pressione l’intero sistema costruito dall’umanità in un modo tale che si sono evidenziate da un lato le risorse normalmente poco visibili, dall’altro i punti di tensione soprattutto sociale. Ne avevamo già parlato a proposito del “Boomer remover” plasmato da alcuni giovanissimi: complice l’esistenza (e l’abuso) di stereotipi e pregiudizi, possono essere molteplici i pretesti per alimentare uno scontro tra generazioni. L’epidemia è stata uno di questi pretesti. Ma al di là delle – ingiustificate, oltre che inopportune – tensioni, resta l’importanza di un tema ineludibile: quella del ruolo della generazione Baby … Continua a leggere

Colazione con le mie colleghe! #laprimacosa dopo il lockdown

Ingarbugliati tra il prima  e il dopo, siamo nella fase di dover prendere appunti per riscrivere il nostro futuro. Immagini e conversazioni da lockdown offrono spunti a volte divertenti, a volte drammatici, che ci portano a riflessioni profonde sul nuovo che verrà, nel lavoro e nella società. Non dimenticheremo mai: gatti sulle tastiere del PC, skype call dalla cucina con bambini saltellanti alle spalle, riunioni al profumo di ragù, suonerie scambiate per il beep della lavatrice da stendere, orecchio  allo Zoom Meeting e occhio alla DaD del figlio, elogi allo Smart Working, depressioni da Smart Working. Per non parlare delle prime azioni pensando al «dopo»: camminare, correre, rivedere, riabbracciare ma anche “Porterò la colazione alle mie colleghe. Chi avrebbe mai … Continua a leggere

Potere alla fantasia: davanti a un pc siamo tutti uguali

Nella sua drammaticità il Covid 19 ci ha dato una grande lezione: niente sarà più come prima, dovremo imparare a vivere nel presente. Senza fare differenze di sesso, condizione familiare e, aggiungo, età. Le cronache di questi giorni ci insegnano che usciremo da questa pandemia con l’urgenza di rivedere modelli di business, politiche sociali e organizzazione del lavoro. Abbiamo sdoganato in un batter d’occhio smart working, skype call, webinar, conference call, collegamenti da remoto etc… Le aziende hanno rispolverato e “messo in produzione” piattaforme tecnologiche (a volte già in-house ma non utilizzate al meglio) e velocizzato processi di trasformazione digitale. Nelle scuole i docenti, più o meno giovani, non hanno potuto sottrarsi all’idea di preparare lezioni F.A.D. (formazione a distanza). Si sperimentano … Continua a leggere

“Covid19: the Boomer Remover”, la furia dello scontro generazionale sui social

Un pianeta affollato risponde agli stessi criteri di esistenza di una comunità, piccola o grande che sia. Quando si è in tanti, troppi, gli spazi stanno stretti e si sgomita, ogni occasione è buona per litigare, per accendere rabbie e disagi appena sotto il livello di guardia. Se poi le classificazioni demografiche, facilitano la diffusione di stereotipi per fasce d’età divise in generazioni il gioco è fatto, ecco che nasce l’arma perfetta per individuare il nemico in tempi di crisi, complessità e confusione: i Baby Boomers, la prima e ultima generazione più numerosa di sempre sul pianeta, e per questo facile da individuare come capro espiatorio. Solo negli ultimi  mesi sono nati due trend social diffusi a livello globale che … Continua a leggere

L'eterno battibecco tra Boomers e Millennials

Boomers e Millennials sono sempre più spesso in contrasto: i primi criticano i secondi, i secondi non accettano le critiche e ribattono senza filtri. Eccone un esempio, un filo lungo da vedere (8′), ma che vale davvero la pena di ascoltare fino alla fine. Un vivace botta e risposta virtuale messo on line dallo Youtuber, Giopizzi, che risponde tono su tono alle affermazioni fatte da Umberto Galimberti in uno speech,  filosofo, sociologo, psicoanalista nello scorso novembre 2019. Quello che si nota subito è che i Millennials, a differenza di altre generazioni, sono preparati: studiano, approfondiscono, dove non sanno vanno a cercare l’informazione mancante e la condividono senza paura, sono consci dei loro limiti ma anche fieri e decisi nei loro … Continua a leggere